Lunedi, 5 dicembre 2022

Al via la campagna europea per la sicurezza alimentare




Sicurezza alimentare e informazioni pratiche per il consumatore. Per incoraggiare i cittadini a riflettere sulle scelte alimentari quotidiane e saper orientarsi quando si parla di sicurezza alimentare, prende il via la seconda edizione della campagna di comunicazione #EUChooseSafeFood con l’obiettivo di dare risposte alle domande che i consumatori si pongono nella quotidianità in tema di alimentazione. La campagna è realizzata dall’Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, in collaborazione con il Ministero della Salute.

Per esempio, qual è la differenza tra «da consumarsi entro il» e «da consumarsi preferibilmente entro il» sulle etichette degli alimenti? Ci sono regole di igiene alimentare nell’ambiente domestico che dovremmo rispettare per tenere al sicuro i cibi? Dobbiamo preoccuparci degli additivi negli alimenti?

Dare risposte certe a domande di questo tipo è l’obiettivo della campagna #EUChooseSafeFood, rivolta a tutti i cittadini europei. Dopo l’edizione del 2021, questa seconda campagna vuole offrire al consumatore informazioni e raccomandazioni pratiche, sulla base delle evidenze scientifiche, da utilizzare nel momento sia dell’acquisto sia del consumo del cibo.

L’obiettivo della campagna #EUChooseSafeFood è, dunque, quello di incoraggiare a compiere nel quotidiano scelte alimentari sicure e consapevoli, evidenziando il ruolo fondamentale della scienza e le direttive formulate dagli esperti dell’EFSA, grazie a cui il cibo sulle nostre tavole è garantito. L’importanza della sicurezza alimentare è stata evidenziata da diversi casi di cronaca nazionale e internazionale, recenti.

Sicurezza alimentare, ogni anno una persona su dieci si ammala per il cibo contaminato

Gli alimenti pericolosi contenenti batteri, virus, parassiti o sostanze chimiche nocive provocano più di 200 malattie, dalla diarrea al cancro. Secondo le stime disponibili sul sito dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ogni anno circa 600 milioni di persone – quasi 1 persona su 10 nel mondo – si ammalano dopo aver mangiato cibo contaminato e 420.000 muoiono ogni anno. I bambini di età inferiore ai 5 anni portano il 40% del carico di malattie di origine alimentare, con 125.000 decessi ogni anno.

È necessaria una buona collaborazione tra governi, produttori e consumatori per contribuire a garantire la sicurezza alimentare e sistemi alimentari più forti“, afferma l’OMS. Per questi motivi, secondo la FAO e l’OMS “garantire la sicurezza alimentare è una priorità per la salute pubblica. Sistemi efficaci di sicurezza alimentare e di controllo della qualità sono fondamentali non solo per salvaguardare la salute e il benessere delle persone, ma anche per favorire lo sviluppo economico e migliorare i mezzi di sussistenza promuovendo l’accesso ai mercati nazionali, regionali e internazionali”.